Di Michele: Lecce for life